Schwannoma vestibolare e conservazione dell’udito

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Schwannoma vestibolare e conservazione dell’udito: Utilità del monitoraggio con ABR evocati dallo stimolo LS-CE-Chirp. Studio retrospettivo su 25 casi con udito preoperatorio socialmente utile.

Le indicazioni per il miglior trattamento dello schwannoma vestibolare (VS) sono cambiate negli ultimi decenni, durante i quali ha sempre più preso piede la microchirurgia. Gli obiettivi della microchirurgia sono: resezione totale, conservazione del nervo facciale (FN) e, in casi selezionati, la conservazione dell’udito (HP). Lo scopo di questo studio è di valutare la HP con riferimento alla dimensione del tumore in pazienti operati con monitoraggio ABR mediante LS-CE-Chirp®.

MATERIALI E METODI:
Venticinque pazienti con udito socialmente utile (SUH) sono stati sottoposti ad asportazione microneurochirurgica di VS mediante approccio retrosigmoideo. I criteri di selezione sono stati: audiogramma tonale puro, con perdita <50 dB, e discriminazione vocale >50% (criterio 50/50, classe AAO-HNS A-B).
In relazione al diametro maggiore del tumore, abbiamo identificato 2 gruppi:
A) ≤2cm (13 casi); B) >2 cm (12 casi).
Il tentativo di preservare l’udito è stato effettuato mediante ABR intraoperatorio evocato da stimoli acustici LS-CE-Chirp®.

RISULTATI:
Età media 44,3 anni (20-64 anni); diametro maggiore medio 2,04 cm (8-40 mm). La asportazione totale e “nearly total” (>95%) è stata possibile in tutti i casi. Mortalità e morbidità maggiore sono state pari a zero. In tutti i casi, il nervo facciale è stato conservato anatomicamente e funzionalmente; in 10 un deficit incompleto del FN (House-Brackmann II e III) è stato seguito da un completo recupero (House-Brackmann I) entro 6 mesi dall’intervento.
Il tasso di conservazione del SUH è stato del 52%, con differenze significative in termini di dimensioni: 61,5% nel gruppo A e 41,7% gruppo B (p = 0,014). L’udito postoperatorio AAO-HNS C (“serviceable”) è stato osservato nel 36%, la sordità nel 12%.

CONCLUSIONI:
La microchirurgia rappresenta un’opzione terapeutica valida per i VS in crescita con SUH. I nostri dati confermano che la rimozione per via retrosigmoidea del VS con monitoraggio ABR intraoperatorio consente un buon tasso di conservazione del SUH, specialmente se il diametro massimo non supera i 2 cm. Il potenziale uditivo evocato da uno stimolo LS-CE-Chirp rappresenta un metodo sicuro ed efficace per il monitoraggio del nervo cocleare, con feedback neurofisiologico intraoperatorio rapido e chiaro.

Allegati:

 

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *